Newsletter
Per iscriverti alla Newsletter inserisci il tuo indirizzo e-mail e clicca sulla freccia blu
Inserire un indirizzo email valido
(Vedi dettagli)
Per iscriversi è necessario dare il consenso al trattamento dei dati
19mar2011_0033rita.jpg
Home page > Biblioteche > Castelfranco di sotto > In Evidenza > Festival della Lettura di Castelfranco. X edizione
Festival della Lettura di Castelfranco. X edizione

locandina-festival_web-01Il Festival della Lettura di Castefranco di sotto arrivato alla sua decima edizione si propone attraverso incontri, iniziative, mostre, pubblicazioni di diffondere la conoscenza della biblioteca sul territorio, valorizzare la storia e la tradizione locale ponendosi come punto di riferimento per i nuovi autori del territorio.

L'evento viene realizzato con il contributo di gruppi e associazioni che collaborano con la Biblioteca Comunale (Circolo culturale fotografico La Fototeca, Associazione culturale Boulevardutopie, Collettivo Cani Bastardi) e fa parte del campagna regionale di promozione delle biblioteche 'In biblioteca c’è il futuro della tua storia' e del Mese del Libro della Provincia di Pisa.

Per saper cosa propone quest'anno il Festival della lettura dal 5 al 26 Ottobre clicca qui o leggi di seguito!

Da quest’anno, inoltre. il Festival continuerà una volta al mese con i BiblioSabati: apertura straordinaria del servizio e presentazione di un libro.

Il Festival propone:

In continuazione con l'attività di documentazione che fa riferimento all’Archivio Fotografico della Biblioteca (uno dei più importanti della Toscana) , anche quest’anno viene proposta una mostra fotografica presso la sala della Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Via Provinciale Francesca Sud n. 5).
La mostra si intitola “La Fabbrica della Cultura” ed è incentrata sull’attività della Biblioteca dalla sua nascita (1976) fino ai primi anni del nuovo millennio. La mostra è realizzata in ricordo del bibliotecario Daniele Casini di cui ricorre quest’anno il decimo anniversario della morte.
La mostra resterà aperta dal 5 Ottobre al 30 Novembre per comprendere anche il periodo della fiera paesana dove ogni anno costituisce un appuntamento molto gradito.

Sabato 11 Ottobre alle ore 17.00:
Perchè così lontanto (I Lanzi IV),  Del Bucchia,  2014

Giancarlo Gabrielli, castelfranchese che vive in Canada , propone il quarto volume della saga dei Lanzi. Ha presentato numerose opere al Festival della Lettura.


Domenica 12 Ottobre alle ore 17.00:
Ragnatele, Alettetti editore, 2014
Immacolata Fastella è una scrittrice toscana di Santa Croce sull’Arno. Fin da giovanissima ha utilizzato la scrittura principalmente come un mezzo introspettivo, con il quale far luce sulle problematiche più profonde del suo io. In questo suo primo romanzo, “Ragnatele”, intende dar voce a conflitti e problemi, forse comuni, ma spesso taciuti per vergogna e paura.

Sabato 18 Ottobre alle ore 17.00:
L’orto delle streghe,  2013
Doriana Mugnaini è stata a lungo insegnante elementare e attualmente lavora presso il Comune di Pomarance. E’ già stata  ospite al Festival della Lettura dello scorso anno a presentare i suoi primi 2 libri di racconti gialli ('Piccole storie gialle', Firenze, L’Autore di libri, 2007 e '4 nuovi casi per il Commissario Adami', Pisa, Felici, 2011).
Le sue storie raccontano i colori e le atmosfere del paesaggio delle colline toscane nel territorio della Val di Cecina. Questo è il suo primo romanzo che ritrova come protagonista il Commissario Adami, alle prese con un efferato delitto e una serie di sparizioni che metteranno a dura prova il suo intuito e le sue capacità investigative.


Domenica 19 Ottobre alle ore 17.00:
  Il mondo nuovo degli e-book per chi scrive e per chi legge

Mauro Sandrini  è un blogger  che si occupa di scrittura  e lettura digitale. E’ il fondatore della Selfpublihing School. Nel suo “Elogio degli e-book” racconta i cambiamenti avvenuti nel mondo della parola scritta dal punto di vista della relazione tra autore e lettore.
Ha scritto il romanzo Tanto Tranta e tiene una rubrica sul Fattoquotdiano.it

   

Venerdì 24 Ottobre alle ore 17.00:
  The American dream in Orentano, 2013.

Il libro ricco di immagini suggestive, di racconti, di dati e storie parla dei tanti emigranti italiani che nella secondo metà dell’Ottocento lasciarono il Bel Paese - in questo caso Orentano, immerso nel verde delle colline delle Cerbaie - per cercare lavoro e fortuna negli Stati Uniti e negli altri Stati del continente americano.

Enrico Casini è uno studioso e divulgatore nostrano,  nato a Orentano nel 1926. Laureato in Economia e Commercio, ha ricoperto diversi incarichi politici e professionali.
Tra i suoi volumi ricordiamo: 
Tra l’Arno e l’Arme: dalle prime presenze umane e le terre murate.  Bandecchi &Vivaldi, 2006
Orentano 1907-2007: i centro anni del campanile ed altri eventi, 2007
Orentano: antico piccolo mondo in un vasto borgo, Bandecchi & Vivaldi, 2002

  

Sabato 25 Ottobre alle ore 17.00:

Mali minori,  Laterza, 2014

Simone Lenzi è nato a Livorno nel 1968. Dal 1990 canta e scrive testi per i Virginiana Miller. Nel 2012 ha pubblicato il suo primo romanzo “La generazione” dal quale è stato tratto il film “Tutti i santi giorni” di Paolo Virzì. La canzone omonima dei Virginiana Miller presente nel film ha vinto come miglior canzone originale, il premio Davide Di Donatello 2013. Simone Lenzi è  anche autore di “Sul Lungomai di Livorno”.(2013).
I mali minori sono piccoli aneddoti ambientati in tutta la penisola, in ogni epoca, nel passato e nel presente. Episodi della vita di ogni bambino che potrebbero sembrare irrilevanti, ma che possono diventare fondamentali per la crescita.

Domenica 26 Ottobre alle ore 17.00:

  Bibliotecario il mestiere più bello del mondo,  Bibliografica, 2013

Maria Stella Rasetti è la direttrice della Biblioteca San Giorgio di Pistoia e ha una lunga esperienza nella promozione e nel marketing delle biblioteche pubbliche. Quella del bibliotecario è una professione intensa a diretto contatto con la comunità. La biblioteca è la base di lancio per creare relazioni, condividere attività da mettere a disposizione della città, incrementando nella gente, la consapevolezza del valore insostituibile dei suoi servizi.